Turismo, il gruppo consiliare Noi di Chiavari replica alle ultime dichiarazioni dell’assessore Ratto.

«Senza fare nessuna polemica – affermano Roberto LevaggiDaniela Colombo e Silvia Garibaldi – ci limitiamo a dire che Ratto, parlando di turismo e della precedente amministrazione, ha preso un enorme abbaglio. Anzitutto, gli attuali assessori proprio non riescono a togliersi il vizio puerile di guardare sempre al passato. In seconda battuta, confutiamo fortemente il pensiero di Ratto, secondo cui la situazione del turismo è stata “critica” durante il nostro mandato».

Evidentemente, osservano i consiglieri, «Ratto considera “critico” l’aver aumentato del 22% le presenze turistiche a Chiavari, superando ampiamente la media regionale; l’aver organizzato oltre cento eventi per ogni singola estate; l’aver partecipato, con successo, alle principali fiere del turismo internazionali; l’aver creato e promosso un evento di altissimo profilo quale il Festival della Parola. Ratto blatera, e intanto gli unici atti concreti da quando lui è assessore sono la convocazione di un tavolo riservato unicamente alle categorie commerciali, una programmazione natalizia estremamente modesta e, soprattutto, l’introduzione della tassa di soggiorno, fatta senza alcun tipo di progettualità a monte».

Levaggi, Colombo e Garibaldi ricordano che «non si può sempre proseguire con la politica del campanile. Il discorso delle crociere, ad esempio, già cavallo di battaglia dell’amico di Ratto, il signor Piombo, cinque anni fa (quando era candidato per la sponda opposta), non può essere portato avanti se non nell’ottica di un sistema. Il flusso crocieristico va sfruttato attraverso sinergie con gli altri comuni, perché “rubarsi” le occasioni l’uno contro l’altro significa perdere tutti. Isolare nuovamente Chiavari è il modo peggiore per impostare una politica turistica».

In conclusione, i consiglieri di Noi di Chiavari ricordano che «Ratto, comportandosi da persona senza statura alcuna, rivende come proprio il lavoro che abbiamo lasciato impostato: alla voce Adesione al patto strategico per il Turismo della Regione Liguria; presenza al Meeting Suisse; nuove cartine; nuovo sito Internet; nuova cartellonistica, sia in italiano che in inglese. Ci dispiace, ma per ora l’unico segno dell’amministrazione Ratto è una tassa di soggiorno. Questa è la realtà».