Luna Park in Colmata, il gruppo consiliare di minoranza Noi di Chiavari torna a chiedere spiegazioni. «Apprendiamo oggi – affermano Roberto Levaggi, Daniela Colombo e Silvia Garibaldi – che la decisione da parte dell’assessore Ratto di spostare le attrazioni sulla parte asfaltata della Colmata, togliendo centinaia di parcheggi liberi sotto il periodo natalizio, sarebbe stata affrancata dal parere positivo dei vigili urbani. Per questo motivo, abbiamo presentato una seconda interrogazione in Comune, dopo quella già protocollata qualche settimana fa».

I consiglieri chiedono «di conoscere le motivazioni che hanno indotto i vigili a dare parere favorevole a spostare l’ubicazione del Luna Park rispetto a quella consueta visto che, specialmente negli ultimi anni, la zona sterrata è sempre stata da loro consigliata e anzi caldeggiata in maniera quasi vincolante; chiediamo inoltre che ci siano chiarite le ragioni per cui l’assessore al Commercio non intervenga per modificare tale decisione allineandosi a quella del 2016, in modo da non danneggiare utenti del commercio, cittadini e pendolari». Nel contempo, viene richiesta «copia del parere favorevole dato dai vigili all’ubicazione del Luna Park nella zona asfaltata della Colmata e di tutta la documentazione relativa alla decisione in merito presa dall’Amministrazione».

Secondo Levaggi, Colombo e Silvia Garibaldi «è fuori da ogni logica eliminare oltre 200 parcheggi liberi in Colmata durante il periodo delle feste natalizie. Ancor più illogico regolamentare i restanti 150 con la zona disco. Ci chiediamo se l’assessore Ratto, che tanto ha battagliato per ripristinare parcheggi in centro per ragioni di comodità, non conosca la differenza tra parcheggiare sulla Colmata di Levante e su quella adiacente al porto. Una bella distanza in più da percorrere a piedi! Da una parte eliminano zone pedonali, come in piazza San Giacomo, dall’altra spediscono le auto nella zona più lontana dal centro. Chi vuole frequentare le giostre, lo fa indipendentemente dalla loro posizione. Chi vuole fare acquisti in centro, se costretto a parcheggiare al Lido, preferirà probabilmente altre città. Non comprendiamo neppure il parere dei vigili che parlano di “sicurezza”. Ci chiediamo come mai gli anni passati non fossero dello stesso avviso. E continuiamo a chiedere se di questi accordi con gli operatori del luna park l’assessore Ratto abbia informato preventivamente la cittadinanza e le varie associazioni di categoria, a partire da quella dei commercianti».